Persisteranno le guerre commerciali dopo le elezioni statunitensi?

Le guerre commerciali continueranno dopo le elezioni presidenziali statunitensi? Questa è una domanda che vedo meditata da molti analisti dell’intelligence. Molti credono che l’amministrazione Obama abbia aperto la porta alla Cina su un commercio che è davvero una brutta notizia per l’economia statunitense e per il popolo americano. Alcuni vedono i negoziati di Obama con le nazioni asiatiche nient’altro che un appagamento delle loro azioni sbagliate. Dopo tutto, a cosa servono i deficit commerciali se i cinesi non acquisteranno i nostri prodotti?

In effetti, potrebbero non acquistare i nostri beni in questo momento, ma certamente possono acquistare abbastanza per creare un rigonfiamento economico nella propria economia per controbilanciare qualunque cosa facciano gli Stati Uniti. Le guerre commerciali continueranno dopo le elezioni presidenziali statunitensi? Alcuni dicono che sta già cominciando. In effetti, alcuni analisti politici ci dicono che la Cina potrebbe usare la recessione economica come scusa per aumentare la sua spesa per la difesa. Potrebbe essere vero, ma, se è così, significa che anche il budget militare degli Stati Uniti aumenterà.

Cosa pensi? Le guerre commerciali continueranno? Ci puoi scommettere. Ciò significa che abbiamo molto lavoro da fare per mantenere la nostra nave economica sulla rotta. Significa che dobbiamo affrontare la retorica politica, che è ai massimi storici, e dobbiamo trattare con i media che sembrano determinati a rendere l’amministrazione del presidente Obama responsabile di ogni problema economico nel mondo. Significa anche che dobbiamo capire come portare la leadership del mercato cinese al tavolo delle trattative.

Se la Cina non verrà al tavolo dei negoziati, chi lo farà? Alcuni dicono che dovremmo iniziare con le nostre controparti europee, ma potrebbe essere difficile dato il sentimento anti-statunitense in Europa e la sensazione che l’Europa stia usando gli Stati Uniti per salvarsi dalla recessione. Ok, allora, con chi potremmo iniziare a negoziare? Iran, per prima cosa. Sebbene l’Iran abbia la reputazione di mentire e imbrogliare, non taglierà nemmeno i legami con la compagnia petrolifera iraniana, che rappresenta circa un terzo delle loro entrate, e quindi hanno bisogno del nostro aiuto.

Naturalmente, la grande domanda è: gli Stati Uniti faranno sul serio nel negoziare le ragioni di scambio? Siamo diventati il ​​cattivo ragazzo, per così dire, nel mondo e sfortunatamente questo ha uno stigma tutto suo. Ora siamo l’investitore numero 1 al mondo, secondi solo alla Cina e terzi solo al Giappone, e questo ci rende davvero un “cattivo ragazzo”.

La questione è se possiamo mantenere la nostra preminenza come nazione e anche la nostra preminenza economica. I nostri leader politici andranno al tappeto e negozieranno effettivamente un accordo equo per tutte le parti coinvolte? Abbiamo lo stomaco per quello? Se non riusciamo a sopportare il calore politico, allora è sicuro di dire che non saremo in grado di resistere agli eventuali effetti delle guerre commerciali.

Quanto dureranno questi inferni politici? Alcuni esperti suggeriscono che potremmo già avvicinarci alla fine degli anni di Obama, il che potrebbe significare altri quattro o cinque anni di guerre commerciali, più probabilmente. Se ciò accade, come possiamo evitare questo risultato? Bene, come ho detto sopra, se la leadership politica di entrambi i paesi non riesce a sopportare il calore del proprio popolo, è tempo che lo superino e inizi a negoziare un qualche tipo di accordo ragionevole, altrimenti potremmo vedere un escalation dei combattimenti che si tradurrà in una perdita di vite umane ancora maggiore, proprietà più distrutte e un’economia più rovinata. Per favore considera tutto questo.

In altre parole, dobbiamo stare molto attenti a quello che facciamo, per quanto riguarda le guerre commerciali. Possono durare tutto il tempo che vogliamo. Quindi, considera questo problema per il tuo paese e speriamo che non si realizzi. Forse potresti unirti a me nel dirlo in una successiva e-mail. Teniamo al sicuro l’America, poiché è sempre stata la mia politica.